Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino
Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


TERAPIA INTERPERSONALE (ITP)


La terapia interpensonale è una terapia psicologica incentrata sui fattori familiari e ambientali che predispongono allo sviluppo e al mantenimento della patologia depressiva.
Si basa sull’assunto che l’uomo sia il risultato delle sue interazioni interpersonali, culturali ed ambientali.
Richiede terapeuti specificatamente addestrati, prevede in media una serie di incontri settimanali, di circa un’ora, che si protraggono per un arco di tempo variabile tra le 12 e le 16 settimane ed è molto diffusa nei paesi anglossassoni.
La terapia punta all’identificazione e al miglioramento delle difficoltà interpersonali combattendo l’isolamento sociale, i problemi irrisolti e i conflitti interpersonali.
Come tutti gli interventi psicoterapeutici brevi non è in grado di portare ad un rimodellamento complessivo delle caratteristiche della personalità ma si focalizza sulla risoluzione dei sintomi e sulla modificazione delle relazioni interpersonali attuali negative.
Si focalizza su una delle quattro aree problematiche di Klerman che sono: reazioni abnormi alla perdita (incapacità di percorrere il normale processo del lutto), contrasti interpersonali (situazioni in cui il pz ed un’altra persona per lui significativa hanno aspettative non reciproche di ruolo e relazione), transizioni di ruolo (difficoltà nell’affrontare cambiamenti richiesti per adattarsi a nuovi ruoli nel sistema sociale) e deficit interpersonali (presenza di relazioni inadeguati o inconsistenti che determinano un impoverimento sociale).
Tale terapia punta alla remissione dei sintomi e all’elaborazione di strategie più efficaci per affrontare gli attuali problemi interpersonali per mezzo di un intervento focale del terapeuta volto a chiarire come il paziente era inserito nel contesto interpersonale e sociale prima dell’insorgere della patologia e come sia cambiato da quel momento in poi.
Il terapeuta deve rassicurare il paziente e chiarificarne gli stai emotivi, analizzare la sua comunicazione interpersonale ed esaminare le sue percezioni ed aspettative nell’ambito dei rapporti interpersonali.
A differenza degli altri interventi psicoterapeutici questo si configura meno diretto e più spontaneo, puntando sul materiale scelto dal paziente e sulla sua capacità di promuovere autonomamente il cambiamento.
Il ruolo del paziente dunque è più attivo che in altre terapie psicologiche.


TERAPIA PSICODINAMICA BREVE (BTP)


La terapia psicodinamica breve si basa sui presupposti teorici della psicoanalisi considerando il sintomo psichico come il risultato di conflitti intrapsichici incosci, attribuendo un importante ruolo patogenetico alle fasi precoci dello sviluppo.

Si cerca quindi, tramite questo tipo di interventi, una remissione sintomatologia attraverso il rimodellamento di assetti difensivi rigidi e un riassestamento della personalità del soggetto.

Essendo però a breve termine non è possibile intervenire in modo completo e totale sulla personalità determinandone una ristrutturazione.

Si tende quindi a circoscrivere l'intervento ad un sintomo, un problema o un conflitto.

Per tale ragione quindi i pazienti vanno scelti in base a rigorosi criteri di selezione, l'intervento deve essere focale ed il terapeuta deve avere un ruolo attivo ed esplicitare fin dalle prime sedute la durata temporale della terapia.


Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();