Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino
Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


CARDIOPATIA ISCHEMICA


La cardiopatia ischemica è una patologia del muscolo cardiaco causata da una riduzione dell’apporto di sangue e quindi di ossigeno al miocardio che può essere dovuta ad una effettiva riduzione dell’apporto di ossigeno per patologia coronarica o una riduzione relativa dovuta ad un aumento della richiesta di ossigeno per patologia miocardica (es. miocardiopatia ipertrofica).
In entrambi i casi l’ossigeno che arriva al muscolo cardiaco non è in grado di soddisfare le sue richieste con effetti reversibili consistenti in dolore toracico (angina) o irreversibili con necrosi del tessuto cardiaco (infarto).

In condizioni fisiologiche il cuore utilizza come fonte energetica principale gli acidi grassi con produzione di ATP attraverso la attraverso la β ossidazione.
In condizioni di ipossia la β ossidazione non è utilizzabile e la via metabolica principale diventa la glicolisi anaerobia che però produce meno ATP.
La carenza di ATP determina un ridotto funzionamento della pompa sodio/potassio con alterazioni del potenziale di membrana, responsabile dell’instabilità elettrica, e diminuzione del trasporto del calcio con suo accumulo intracellulare, attivazione della chinasi e rilascio di enzimi lisosomiali che provocano necrosi cellulare.
Durante la fase ischemica l’ipossia determina ipocinesi della zona colpita con riduzione della forza contrattile ed a secondo di quanto è estesa l’area ischemica l’ipocinesia può determinare riduzione della gittata cardiaca e della pressione arteriosa.
Nella fase di riperfusione si attiva invece la glicolisi aerobia che ripristina più rapidamente i livelli di ATP e porta, non nell’immediato dopo un certo periodo di tempo più o meno lungo in base all’entità dell’ischemia, al ripristino della funzione elettrica e metabolica, sempre se non siano insorti durante la fase ischemica danni irreversibili (necrosi).

La cardiopatia ischemica è frequentemente dovuta a patologia coronarica con riduzione del flusso sanguinio attraverso i vasi arteriosi cardiaci, spesso sostenuto da aterosclerosi.
L’aterosclerosi coronarica è di norma segmentale con placche che si riscontrano prevalentemente a livello delle biforcazioni e che determinano occlusione variabile del lume arterioso.
Occlusioni inferiori al 50% di solito non danno sintomatologia, almeno in condizioni basali ma possono determinare angor in seguito ad un aumento delle richieste d’ossigeno da parte del tessuto cardiaco.
La patologia coronarica è frequentemente sostenuta dalla presenza di placche che determinano un restringimento del lume vasale con diminuzione del flusso.
L’interessamento dei grandi vasi coronarici è grave sia per l’ampiezza del territorio di irrorazione delle arterie coronariche sia per la mancanza di circoli collaterali.
L’interessamento dei piccoli vasi coronarici è invece meno grave per la minore estensione del danno ischemico e per la presenza di circoli collaterali.

Il sintomo principale delle ischemie cardiache è l’angor o angina: dolore toracico acuto retrosternale a possibile irradiazione lungo l’arto superiore sx., talvolta riferito in regione epigastrica che recede spontaneamente senza lasciare reliquati, quando si prolunga per oltre 20 minuti all’ischemia fa seguito la necrosi tessutale e si sviluppa quindi infarto.
L’angina pectoris viene distinta in angina stabile, instabile e di Prinzmetal.


Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();