Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino
Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


Accertemanti per l'obesità


Una volta appurato lo stato di obesità è necessario valutare gli effetti dell’obesità.
In verità gli effetti dell’obesità sono ubiquitari: un organismo che è tarato per sostenere e rifornire 80kg di cristiano se si trova a dover sostenere 120kg viene sottoposto in toto ad iperlavoro ed usura e va in difficoltà in tutte le sue componenti, tutti gli organi e apparati soffrono.

E opportuno richiedere quindi esami ematochimici:

Complicanze e Comorbilità


Molto importante è l’associazione con il diabete che aumenta notevolmente il rischio cardiovascolare e l’obesità è una delle cause del diabete.
Un organismo pieno di tessuto adiposo, per evitare l’accumulo di altro tessuto adiposo rende le sue cellule meno sensibili all’insulina (l’insulina fa entrare i grassi nelle cellule) e si instaura così resistenza periferica all’insulina che è uno dei meccanismi patogenetici alla base del diabete.
Le dislipidemie connesse all'obesità, determinano danni vascolari, aterosclerosi ed incrementano il rischio di eventi trombo-embolici.
Inoltre l’eccesso di colesterolo è un fattore patogenetico anche della litiasi biliare e delle conseguenti patologie della colecisti, le alterazioni del metabolismo del colesterolo (che è precursore degli androgeni) causano anche alterazioni ormonali con impotenza e deficit erettili.
Spesso si associa ad obesità anche ipertensione per incremento delle resistenze periferiche
L’ associazione di ipertensione arteriosa, diabete ed obesità è nota come sindrome metabolica ed aumenta esponenzialmente il rischio cardiovascolare.

L’eccesso di grasso inoltre altera i metabolismi intracellulari determinando degenerazione grasse di virtualmente tutti i tipi di cellule, con steatosi.
La steatosi più nota è quella epatica ma la degenerazione grassa interessa spesso anche muscoli striati, miocardio, corteccia surrenale ed intestino.
Danni da da obesità si verificano carico dell’apparato gastro-enterico oltre che per degenerazione grassa anche che per via della iperalimentazione: deve fare un sacco di lavoro in più!
Tipica è la steatosi epatica non alcolica (degenerazione grassa del fegato) o anche alcolica se l’iperalimentazione del soggetto obeso comprende anche ingestione di notevoli quantità d’alcool, d’altronde che fai con la salamella non te lo fai un bel chianti?
L’enorme mole di cibo che arriva allo stomaco ne causa dilatazione con reflusso gastroesofageo.
L’eccesso di grasso in alcune zone può determinare effetti compressivi, tipica è la compressione in posizione supina, durante il sonno, delle vie aeree con sviluppo di sindrome da apnee ostruttive del sonno.
Il maggior carico che deve sopportare l’apparato osteo-articolare causa disturbi articolari di tipo artrosico (obesità è un fattore di rischio per artrosi) ma anche disturbi tendinei e fasciali.
Sono frequenti i disturbi della cute, oltre ad accumuli cutanei di grasso (xantomi), l’aumento della sudorazione e delle secrezioni cutanee, trattenute nelle spesse pieghe della pelle, determinano macerazioni cutanee e favoriscono la proliferazione di funghi e di batteri, rendendo particolarmente frequenti le infezioni intertriginose.
L’obeso non mangia solo grassi, uno che mangia tanto mangia di tutto, quindi sono spesso presenti anche patologie da eccessiva assunzione di proteine come la gotta ed i disturbi renali.
L’obesità inoltre e considerata un fattore di rischio anche oncologico, soprattutto per i tumori del colon e del seno.
L'obesità può anche essere causa di problemi psicologici.
Insomma l’obesità è un disastro ed è considerata fattore di rischio per praticamente tutto!

Terapia dell'obesità


Il trattamento dell’obesità prevede prima di tutto il cambiamento delle abitudini di vita ed alimentari volte alla riduzione del peso corpereo. Il detto della nonna magna la metà e movite il doppio è sempre valido, ma la dieta va fatta oltre che con una riduzione quantitativa dell'introito calorico, anche degli aggiustamenti qualitative cambiando in toto le abitudini alimentari raggiungendo un risultato che sia stabile nel tempo.
La dieta deve essere ipocalorica, equilibrata e prevedere piccoli e frequenti pasti distribuendo l’apporto calorico nell’arco di tutta la giornata.
La dieta deve avere un basso contenuto di grassi, con predilezione per i grassi monoinnsaturi, basso contenuto di zuccheri semplici (glucosio e saccarosio) privilegiando carboidrati a lento assorbimento (amidi) ed alimenti a basso indice glicemico, elevato contenuto di fibre, limitare il consumo di alcolici, succhi di frutte e bibite zuccherate in genere.
Alla dieta è duopo associare attività fisica di tipo aerobico.
Possono essere indicati anche interventi psicocomportamentali di supporto, autocontrollo e gestione dello stress. Spesso disagi di tipo psicologico si traducono in iperalimentazione.

In soggetti con indice di massa corporea superiore a 30 è indicato anche il trattamento farmacologico: Orlistat inibisce la lipasi intestinale diminuendo l'assorbimento dei grassi; Fentermina e Lorcaserin sopprimo l’appetito. Per pazienti con indice di massa corpereo superiore a 40 c’è indicazione per la chirurgia bariatrica (interventi sullo stomaco che ne riducono la capienza come cerchiaggio o resezioni).
Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();