Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino

Indice
Endocrinologia

Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


Ipertiroidismo

Si definisce ipertiroidismo quella condizione patologica in cui c’è un eccesso di funzione della tiroide con iper produzione di ormoni tiroidei.
Per deficit lievi la sintomatologia può non essere presente e l’eccesso di ormoni tiroidei viene svelato soltanto dalle indagini di laboratorio.
Quando invece l’iperproduzione ormonale tiroidea determina la comparsa di segni e sintomi evidenti l’ipertiroidismo diventa clinico, e si manifesta a carico di numerosi organi ed apparati.

Come nell’ipotiroidismo anche nell’ipertiroidismo conclamato abbiamo una faces tipica chiamata facies ipertiroidea caratterizzata da occhi sporgenti, con sguardo sbarrato, fisso, con occhi lucidi e fissi ed incapacità della palpebra di seguire il bulbo oculare nello sguardo verso il basso (segno di Graefe, uno dei più precoci segni di ipertiroidismo), retrazione delle labbra, lineamenti marcati ed incavati, ed espressione spaventata.

L’effetto principale dell’eccesso di ormoni tiroidei è un incremento del consumo di ossigeno con aumento del metabolismo basale, del catabolismo e della produzione di calore.
I pazienti affetti da ipertiroidismo si presentano per tanto magri, fino alla cachessia, nonostante l’aumento dell’appetito e la polifagia, con abbassamento dei livelli di glicemia, dei trigliceridi e del colesterolo, con aumento dei NEFA (ac. grassi non esterificati), indice di mobilizzazione delle riserve lipidiche, sono intolleranti al caldo e sudano molto.

A questi segni e sintomi si aggiunge anche una sitnomatologia d'organo, causata dal mancato effetto metabolico degli ormoni tiroidei:
La diagnosi di ipotiroidismo si basa sul riscontro ematico di elevati livelli di T3 e T4.
Bisogna poi distinguere le varie forme di ipertiroidismo, in primis quelle causate da alterazioni proprie della tiroide da quelle causate da alterazione dell’ipofisi (ipertiroidismo centrale) che fa aumentare alla tiroide lo stimolo a produrre ormoni.
Per questa distinzione si ricorre al dosaggio del TSH (ormone prodotto dall’ipofisi che stimola la tiroide a produrre ormoni).
Quando l’ipofisi funziona, risponde ad un incremento degli ormoni tiroidei diminuendo la produzione di TSH nel tentativo di inibire la tiroide.
Per tanto se accanto a alti livelli di T3 e T4 si riscontrano anche alti livelli di TSH, il problema è che l’ipofisi produce troppo TSH e bisogna indagare le cause di iperpituarismo che a loro volta possono essere determinate da patologia primariamente ipofisiaria o da eccesso del relasing factor ipotalamico (TRH).
Se invece accanto a livelli alti di T3 e T4 si hanno livelli bassi di TSH l’ipofisi funziona ed il danno è tiroideo, bisogna allora andare alla ricerca dell’eziologia della patologia tiroidea.

Esistono però anche condizioni patologiche, più rare, con T3 e T4 alti e TSH basso che non sono primariamente tiroidee, trattasi di casi di produzione ectopica di ormoni tiroidee come può avvenire in corso di tumori di altre sedi in grado di produrre ormoni tiroidei.

L’ipertiroidismo da causa tiroidea è riconducibile essenzialmente ai gozzi tossici ed alla patologia neoplastica.

Il gozzo tossico a differenza del gozzo semplice si caratterizza per la iperproduzione di ormoni tiroidei. Il gozzo tossico si differenzia in diffuso, quando interessa tutta la ghiandola, uninodulare quando c’è un solo nodulo tiroideo responsabile dell’iperproduzione ormonale e multinodulare quando sono presenti più noduli tiroidei responsabile dell’iperproduzione ormonale
Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();