Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino

Indice
Endocrinologia

Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


Gozzo Tiroideo Tossico


Si definiscono gozzi tossici gli incrementi morfo-volumetrici della tiroide che si accompagnano ad iperproduzione di ormoni tiroidei.
Quando la tiroide è aumentata di volume in toto in parla di gozzo tossico diffuso, noto anche come morbo di Basedow-Graves, quando c'è un solo nodulo aumentato di volume ed iperfunzionante si parla di gozzo uninodulare tossico (una sola area calda) e quando sono presenti più noduli caldi si parla invece di gozzo multinodulare tossico.

Morbo di Basedow-Graves
(Gozzo tossico diffuso)

Il gozzo tossico diffuso, noto anche come morbo di Basedow-Graves, è la causa più comune di ipertiroidismo, è una malattia a patogenesi autoimmunitario caratterizzata dalla produzione di autoanticorpi (TSab) tiroidostimolanti che interagiscono con il recettore per il TSH determinando una continua attivazione della tiroide.
Da un punto di vista clinico è presente il gozzo alla base del collo e tutti i segni ed i sintomi dell’ipertiroidismo a cui si associano spesso anche manifestazioni cutanee ed oculari.
L’interessamento dei tre distretti non è necessariamente presente contemporaneamente e possono avere anche evoluzione indipendente l’uno dall’altro.
Alcuni segni e sintomi oculari posso essere presenti anche negli altri ipertiroidismi, altri sono peculiari del morbo di Basedow.

Le manifestazioni oculari comuni a tutti gli ipertiroidismi sono riconducibili all’ipertono simpatico dell’ipertiroideo e consistono nel segno di Grafe (vedi sopra), mancata corruzione della fronte nello sguardo verso l’alto (segno di Jeoffry), difetto di convergenza (Segno di Moebius), rarità di ammiccamento (segno di Stellwag) e contrazione dell’elevatore della palpebra superiore con anomala ampiezza della rima palpebrale (segno di Darlympe).
Le manifestazioni oculari tipiche invece del morbo di Basedow sono invece dovuti ad una infiltrazione edematosa con deposizione di mucopolisaccaridi a livello del grasso retrobulbare e della muscolatura intrinseca dell’occhio.
La faces Basedowiana, in virtù dell’infiltrazione edematosa, aggiunge altri particolari alla facies ipertiroidea che la rendono unica. Nella facies Basedowuana abbiamo infatti anche esoftalmo (protrusione dei bulbi oculari) causato dall’incremento volumetrico edematoso del grasso retrobulbare che spinge in avanti i bulbi oculare, edema palpebrale, ed iniezione congiuntivite a cui si associano fotobia, cremosi lagoftalmo e diplopia per infiltrazione dei muscoli oculomotori con oftalmoloplegia.
Le alterazioni cutanee tipiche del morbo di Basedow sono più rare (non oltre i 5%) e consistono essenzialmente dermopatia infiltrati mixedematosa con edema duro, ipercromico, a buccia d’arancio ed a prevalente localizzazione pretibiale.

Morbo di Plummer
(Gozzo uninodulare tossico)

Il gozzo uninodulare tossico, noto anche come morbo di Plummer, è una forma di ipertiroidismo moderata, generalemente lieve e paucisintomatica.
L’iperproduzione ormonale è sostenuta da un solo nodulo iperfunzionante che causa eccesso di ormoni tiroidei, l’eccesso di ormoni tiroidei, determina, per feedback negativo riduzione del TSH con il restante tessuto tiroideo normale che viene “messo a riposo” dalla riduzione della stimolazione ipofisaria.

Gozzo multinodulare tossico

Il gozzo multinodulare tossico è invece una forma di ipertiroidismo sostenuta dall’attività di più fico tiroidei producenti ormoni (noduli caldi) e rappresenta spesso l’evoluzione di un gozzo semplice dove la prolungata esposizione ad elevati livelli di TSH determina la formazione di aree nodulari ad autonomia funzionale che non rispondono al feed-back negativo.
Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();