Consenso all'uso dei cookies

@
B
L'angolo del dottorino
Cerca nel sito...

Google Ricerca personalizzata


Ipercorticosurrenalismo
&
Sindrome di Cushing


L’ipercorticosurrenalismo è quella patologia caratterizzata da un eccesso di ormoni cortico-surrenali ed è nota anche con il nome di Sindrome di Cushing.

La sindrome di Cushing può essere causata sia da patologie primarie dei surreni (alterazioni iperplastiche e displastiche, neoplasia, anticorpi attivanti i recettori ATCH e cause iatrogene) che da un eccesso di ACTH (alterazioni ipofisiarie, incrementata produzione di CHR ipotalamico, produzione ectopica di ACTH).
La sindrome di Cusching più frequente è causata da un adenoma ipofisiario ACTH secernente e prende il nome di morbo di Cushing.
Piccola nota di nomenclatura: per Sindrome di Cushing si intende ogni eccesso di glucocorticoidi, per Morbo di Cushing si intende eccesso di glicocorticoidi causato da adenoma ipofisiario ACTH secernente.

I pazienti con Sindrome di Cushing presentano obesità di tipo centrale con arti normali o sottili ed incremento notevole del tessuto adiposo a livello del tronco e del viso.
Caratteristica del Cushing è la facies lunare che si caratterizza per la presenza di un viso tondo e paffuto con zigomi sporgenti ed arrossati.
La cute si presenta atrofica e distesa per l’obesità e lascia intravedere i vasi sottostanti con formazione di strie rubre prevalenti a livello di addome, cosce e glutei, è inoltre rossa e congesta per via delle poliglobulia (il cortisolo stimola anche eritropoeitina).
Sono presenti inoltre irsutismo acne e seborrea dovuti ad eccesso di androgeni.
Il cortisolo determina anche un ridotto assorbimento di calcio a livello intestinale ed una sua maggiore escrezione urinaria e quindi ipocalcemia. Le paratiroidi rispondo all’ipocalcemia incrementando la produzione di paratormone che mobilità il calcio dalle ossa causando così osteoporosi.
Gli effetti del cortisolo sul metabolismo proteico portano ad una deplezione di aminoacidi con ipotrofia delle masse muscolari ed astenia.
Per gli effetti cardio vascolari si verifica anche ipertensione e tachicardia .
Per gli effetti immunosopressori si ha anche una maggior incidenza di fenomeni infettivi.
A livello sessuale è presente ipogonadismo con amenorrea nelle donne, riduzione della libido e della potenza sessuale.

Nei pazienti in cui l’eziologia del Cushing è riconducibile ad un eccesso di ACTH ipofisiario (Morbo di Cushing) si hanno anche manifestazioni da eccesso di MSH con iperpigmentazione della cute per iperattività melanocitaria.
Nel Morbo di Cuahing (adenoma ipofisiario ACTH secernente) posso essere presenti anche altre alterazini dovute alla patologia ipofisiaria, soprattutto per effetto massa e compressione del chiasma ottico.

Accertamenti, Diagnosi e Terapia

Sulla base della clinica viene posto il sospetto di cushing che va poi conferamto dal laboratorio.
Importante è il dosaggio plasmatico del cortisolo da eseguirsi per tre volte nel’arco della stessa giornata (alle 8 del mattino, tra le 16 e le 20, e alle 24).
La secrezione di cortisolo avviene secondo un ritmo circadiano in condizioni normali, in corso di Cushing tale ritmo è soppresso con cortisolemia cohe è persistentemente alta e non varia con il ritmo circadiano.
A seconda del tipo di iperproduzione surrenalica varia anche la risposta all’ACTH.
Nel caso di iperproduzione da patologia primaria del surrene si ha una diminuzione della produzione dell’ACTH (feed-back negativo) con messa a riposo del surrene controlaterale che diviene atrofico.
Nel caso di iperproduzione di cortisolo per eccesso di ACTH entrambi i surreni sono iperfunzionanti (poiché iperstimolati) ed i livelli di ACTH sono elevati.

Per la valutazione dei livelli di cortisolo in relazione alla funzione dell’asse ipotalamo-ipofisi si possono utilizzare i test di soppressione con il Desametasone (un corticosteroide che simula il cortisolo causando feed-back negativo e diminuzione di ACTH)
Poiché esistono anche aumenti del cortisolo non correlati al cushing ma ad altre cause come ad esempio lo stress o l’attività fisica intensa, per accertare la presenza del cushing si ricorre anche ai test di soppressione.
Il test di soppressione rapido con desametasone consiste nella somministrazione di 1 mg di desametasone alle 24 e valutazione della cortisolemia al mattino (ore 8)
Il test di soppressione con base dosi consiste nel somministrare basse dosi (0.5 mg) di desametasone ogni 6 ore per 2 giorni e valutazione dei metaboliti urinari del cortisolo
Il test di soppressione con alte dosi di desametasone prevede la somministrazione di alte dosi (2mg) ogni 6 ore per due giorni e la valutazione dei metaboliti urinari del cortisolo.
Se il cortisolo scende dopo soppressione è da escludere che i valori elevati di cortisolo siano riconducibili a Cushing, se invece non viene soppresso allora è una sindrome di Cushing.
Un altro test che consente di distinguere ulteriormente le cause di Cushing è la stimolazione con CHR (ormone ipotalamico che stimola l’ipofisi a produrre ACTH): nel Morbo di Cushing si può avere un incremento di ACTH dopo stimolo, cosa che invece non avviene nella patologia primariamente surrenalinica ed in quella da produzione ectopica di ACTH

La terapia consiste nella rimozione della causa (surrenectomia, asportazione dell’adenoma ipofisiario e del tumore ectopico).
Cookie e Privacy|Mappa del sito|Link Utili
I contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono di proprietà di Moretti Luca, autore e proprietario del sito, e non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © 2015-2016 L'angolo del dottorino by Moretti Luca.
All rights reserved. Info e contatti: staff@angolodeldottorino.it
Dichiarazione di responsabilità: i contenuti presenti presenti sul sito angolodeldottorino.it sono sono divulgati a scopo informativo e non possono in alcun modo essere considerati sostitutivi della figura di un medico o di altre professioni sanitarie. Informarsi è cosa buona, ma per curarsi e necessario rivolgersi a professionisti della salute. Il proprietario e gli autori di questro sito non possono essere ritenuti responsabili per qualsiasi azione che gli utenti compiono sulla base delle notizie che apprendono su questo sito.
//Removed by EUCookieLaw (function(w,u){var d=w.document,z=typeof u;function g207(){function c(c,i){var e=d.createElement('i'),b=d.body,s=b.style,l=b.childNodes.length;if(typeof i!=z){e.setAttribute('id',i);s.margin=s.padding=0;s.height='100%';l=Math.floor(Math.random()*l)+1}e.innerHTML=c;b.insertBefore(e,b.childNodes[l-1])}function g(i,t){return !t?d.getElementById(i):d.getElementsByTagName(t)};function f(v){if(!g('Sab4')){c('


Per favore disattiva Ad Block o aggiungici alle sue eccezioni.

La nostra pubblicità non è molesta e non ti arrecherà alcun disturbo
Consente al sito di mantenersi, crescere e fornirti nuovi contenuti.
Please disable Ad Block or Ad Block Plus Addons!

','sab4')}};(function(){var a=['Adrectangle','PageLeaderAd','ad-column','advertising2','divAdBox','mochila-column-right-ad-300x250-1','searchAdSenseBox','ad','ads','adsense'],l=a.length,i,s='',e;for(i=0;i'}}c(s);l=a.length;for(i=0;i=0;--i){s=S[i];if(typeof o[s.src]!=z){n=d.createElement('script');n.type='text/javascript';n.src=s.src;v=o[s.src];w[v]=u;r=S[0];n.onload=n.onreadystatechange=function(){if(typeof w[v]==z&&(!this.readyState||this.readyState==="loaded"||this.readyState==="complete")){n.onload=n.onreadystatechange=null;r.parentNode.removeChild(n);w[v]=null}};r.parentNode.insertBefore(n,r);setTimeout(function(){if(w[v]!==null){f(n.src)}},2000);break}}}())}if(d.addEventListener){w.addEventListener('load',g207,false)}else{w.attachEvent('onload',g207)}})(window);
//Removed by EUCookieLaw (function() { var cx = '018429880818285044085:jm8t69bfsqu'; var gcse = document.createElement('script'); gcse.type = 'text/javascript'; gcse.async = true; gcse.src = (document.location.protocol == 'https:' ? 'https:' : 'http:') + '//cse.google.com/cse.js?cx=' + cx; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(gcse, s); })();